HUG Your Baby Website
PO Box 3102 Durham, NC USA

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) – Silvia Zanette


 Sono una psicologa, educatrice perinatale e insegnante di massaggio infantile. 

Ho trovato il percorso estremamente interessante ed utile e ho scelto di proporne molti contenuti anche ai genitori in attesa in modo da fornire loro informazioni pratiche e concrete in preparazione all'arrivo del piccolo, nell'ottica di consentire loro di sentirsi più preparati ed "equipaggiati" soprattutto nell'affrontare i primi tempi con il noentao. Ritengo che questo tipo di interventi abbia un importante valore protettivo e preventivo su molte situazioni di difficoltà di umore e di coppia nell'immediato post parto. 

Mi è piaciuta in modo particolare la road map perchè mette in evidenza molte tappe importanti, soprattutto in relazione all'allattamento, che è bene i genitori conoscano da subito. penso inoltre che sia molto importante insegnare a riconoscere le fasi del sonno in quanto il tema nanna è sempre molto "caldo" nei genitori, che rischiano di affidarsi a soluzioni non in linea con i bisogni del bambino e con le informazioni scientifiche in merito 

 Mi sarebbe piaciuto se nei corsi preparto fatti per i miei due figli fosse stato dato spazio a questi argomenti invece che al solo travaglio e parto, penso che mi avrebbe aiutato a sentirmi meno "incompetente" nei primi tempi! questo è uno dei motivi per cui ho scelto di fare questo corso e di proporne i contenuti già alle coppie in attesa Grazie veramente per tutto quello che queste lezioni mi hanno dato

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) - Stefania Sntacroce


Sono un’educatrice che si occupa prevalentemente della fascia d’età 0/3 anni e insegnante di massaggio infantile da circa 12 anni, collaborando con alcune associazioni del territorio che si occupano di sostegno e accompagnamento alla genitorialità ma soprattutto, sono mamma di due splendide bambine. 

 Grazie a Benedetta Costa mi sono formata come insegnante di massaggio e per merito suo ho avuto l’occasione di conoscere e formarmi con Jan Tedder entrando a piccoli passi nel mondo Hug yuor baby.

 Durante il corso sono rimasta subito affascinata dalla semplicità dei concetti, alcuni dei quali, nel mio percorso di studio, avevo ampiamente trattato ma mai come in quel momento erano stati così chiari e di facile utilizzo. 

 La filosofia Hug si integra perfettamente con il massaggio infantile: durante il corso spieghiamo ai genitori, che il massaggio ci permette di osservare il bambino ed imparare a conoscerlo meglio e chiedendo il permesso, prima di massaggiare, a riconoscere i segnali di disponibilità o indisponibilità; il metodo Hug insegna ai genitori cosa devono osservare, il linguaggio del corpo del bambino e quali sono i segnali di SOS. 

 Ho trovato molto utile il “broadcasting” perché mi fornisce uno strumento per aumentare la consapevolezza, la comprensione e le competenze dei genitori riguardo al linguaggio non verbale dei loro bambini, in modo rispettoso e non invadente. 

 Durante i miei incontri con i genitori spesso emergevano dubbi e difficoltà sull’allattamento al seno che, in alcuni casi, inducevano a sospendere per sostituirlo con il latte artificiale ma da quando utilizzo la “Roadmap”, per i genitori è più semplice comprendere che si tratta di passaggi del tutto fisiologici nelle tappe di crescita del bambino, questa consapevolezza gli sostiene ed incoraggia nel proseguire con maggiore serenità il loro percorso. 

 Ritengo che sia molto utile e importante poter utilizzare il corso Hug your baby non solo con i genitori ma anche con le coppie in attesa e avere la possibilità di fornire le informazioni di base sul sonno, il pianto, il pasto, il gioco e come calmare il neonato, in modo semplice e subito fruibile. 

 Per questo motivo ho incominciato a proporre il corso Hug all’interno dei corsi di preparazione al parto, che vengono svolti dalle ostetriche, nelle associazioni con cui collaboro.

Nurse Practitioner, Roslyn Padgett, Becomes a Certified HUG Teacher


Roslyn Padgett is a Family Nurse Practitioner and IBCLC in Cary, NC. Though she has had ample child development study and experience in the past, she shares with us her special journey with HUG Your Baby. 

 HUG YOUR BABY is exactly what I need working in Family Medicine at SAS Institute, Cary NC. Jan has clarified a very complex set of theories, methods, research and clinical guidelines, and made them easy to put into practice in our day-to-day work with families. What Jan has so skillfully and thoughtfully crafted is a gift I can give my patients at every visit. The HUG program is easily incorporated into a clinician’s visits with families, and its digital educational resources permit parents to continue to access and build on what the clinician teaches in the exam room or office. This ongoing support for families helps them navigate the complexities of infant feeding, sleeping, crying, communication and development that most of us touch on at every visit. In addition, The Roadmap to Breastfeeding Success provides an excellent means to achieve the goal of successful breastfeeding. The HUG program helps us to promote breastfeeding at SAS Family Medicine and to assist more families meet their own goals, as well as AAP and WHO guidelines, for breastfeeding duration. 

What we learn in HUG YOUR BABY training makes us better clinicians. As someone said, "Going into the room with a baby and family is like having a hundred helium balloons on the ceiling with strings attached—and choosing which ones to pull into the encounter." Family medicine visits can be full of so many details and tasks that it is easy to hyper-focus on those. What Jan has so beautifully done with HUG YOUR BABY is to help a provider see through all the details to emphasize what is most important for each visit: the parents’ agenda. My mantra has become, “Start here, not there.” Intentionally “holding the space,” watching the baby with the parents, and “broadcasting” what I see emphasizes the positive and brings the parents actively into the visit in collaboration with me. The HUG approach encourages me to stop and see the beauty of the moment, and of the lovely child and family I am privileged to know better at each visit. I am so excited about using HUG YOUR BABY, every day and with every baby and young family.

New Certified HUG Teacher enhances her ability to "hear what a baby is saying."


Debbie Stuard is a parent educator in Humble, Texas and shares her HUG Your Baby story.

My experience with the HUG Your Baby curriculum was surprisingly better than I thought. The ladies I serve were receptive and did not blow off the teaching as I presumed they might.  They especially liked learning about Signs of Over-Stimulation and finding out that sometimes the baby just needs to rest (and not be passed around like a frisbee as often loving family members sometimes do).  

Jo's mother, Elizabeth, is expecting again, and was anxious to share this information with her family. Just as adults sometimes need space and quiet time, I learned that babies also do. I found it amazing that there is a still/deep sleep and an active sleep. Remembering that with five kids we would whisper while the baby slept for fear of complete turbulence in the household is the baby woke up. 

The terminologies Ready Zone, Resting and Rebooting Zone sound as if talking about a computer. However, the break down by HUG Your Baby makes perfect sense. These are tiny little people with sensors. When one understands the rationale behind these terms, we can all become better listeners, discerners, mothers /caregivers. We can be the catalyst to a never-ending change in understanding our babies. HUG Your Baby taught me that even though our little ones cannot yet utter a word, we can learn how to listen.

Nurse/Childbirth Educator expands her outreach with HUG Your Baby


Cheryl Jones is a RN and childbirth educator focused on helping families during the postpartum period. She shares her recent HUG Your Baby experience.

I am a registered nurse and childbirth educator who has most recently stepped out of the hospital setting to create a comprehensive program designed to educate and walk alongside new moms and their families from pregnancy into labor and childbirth and then follow them into the postpartum period. I have found that so much of teaching and trust is built upon a developed relationship and that is formed over time. 

 Most of my passion and love for working with new moms comes from the struggles I had with each of my own 3 pregnancies and post birth experiences. When I attended the HUG Your Baby workshop, I wanted to immediately incorporate all that I had learned into my current classes and the way that I taught. I shared the information and the video clips, but I also wanted to visit every family I encountered during the postpartum period because I knew how much this information would build confidence as a new parent. 

New moms and dads are learning and growing too, and I have watched the excitement and relief when we talk through and observe the baby together. As a HUG teacher, you have the opportunity to guide each parent on his or her own journey into becoming an expert of their babies. I love being a part of that experience and watching it unfold over and over again, with each new family unit, never gets old. Thank you!

Parent Coach becomes a Certified HUG Teacher: Kimberly Chacon


Kimberly Chacon is a MSW,  Parent Coach in Houston, Texan. She shares her recent experience with HUG Your Baby.

 The HUG Your Baby program has given me invaluable tools and strategies to pass on to my clients. As a parent coach, the HUG Your Baby curriculum is easy to follow and is very much well-received by the moms that I serve. Additionally, the HUG Your Baby material allows perinatal educators to enhance their parenting skills by adopting HUG Your Baby curriculum into their daily practice. Personally, I have 4 children, though they are in their latter twenties, I did not know any of this information. I was not told about breastfeeding is best, SOS, how to calm and read babies cues, etc. My clients are definitely benefitting from what I have learned from the HUG Your Baby study guide and curriculum Lastly, in a place (my employment) where moms are disadvantaged and are under scrutiny, the HUG Your Baby experience will alleviate questions, increase breastfeeding success, and provide the crucial bonding that is needed for the mothers and their babies.

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) - Sara Cornaglia


Sono una Neuropsicomotricista e insegnante di massaggio infantile da molti anni. Del programma Hug Your Baby mi ha colpito maggiormente come nella semplicità del suo linguaggio riesca a far passare informazioni di una potenza e importanza incredibile per ogni futuro e neogenitore. Ho utilizzato il programma Hug in diverse occasioni professionali sia nel mio lavoro privato con incontri specifici sul neonato con coppie in attesa e neogenitori sia nell’ambiente ospedaliero nel mio lavoro invece con i bambini nati pretermine o con disabilità. Ho adottato lo strumento del broadcast utilissimo nel far apprendere al genitore l’importanza di osservare il proprio bambino. Spesso il genitore, soprattutto nel bambino con una grave disabilità, ha un comportamento accelerato, i suoi gesti e movimenti sono velocizzati e non si sofferma sul leggere i segnali che il bambino manda. Osservare insieme, descrivere il comportamento del bambino e decidere insieme quale risposta è quella più adeguata a quel segnale è stato un lavoro bellissimo. 

 Il tema degli SOS è stato poi fondamentale per me nel lavoro con i genitori dei bambini nati pretermine che come sappiamo manifestano con più frequenza segnali di iper stimolazione. Dare strumenti pratici nel rispondere a questi segnali è un altro aspetto importantissimo perché fa sentire il genitore sicuro nel suo prendersi cura del proprio bimbo. 

 Continuerò sicuramente a integrare questi aspetti del programma Hug nel mio lavoro e mi auguro con tutto il cuore che sempre più mamme e papà possano incontrare nelle loro strade di futuri e neogenitori insegnanti Hug che trasmettano queste semplici ma importantissime informazioni.

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) - Giuliana Caccavale

Sono fisioterapista specializzata in riabilitazione neuromotoria e terapista di biodinamica craniosacrale. 

 La decisione di intraprendere il percorso di formazione per diventare insegnante HUG ha prevalentemente a che fare con il mio lavoro in ambito biodinamico craniosacrale che, oltre a rivolgersi a adulti, adolescenti e bambini, si rivolge anche alla coppia mamma-neonato. Ho sentito quindi la necessità di ampliare le mie capacità di osservazione e interpretazione dei comportamenti del neonato e migliorare le mie strategie comunicative rivolte sia ai genitori sia al neonato. 

 Il corso HUG ha soddisfatto le mie aspettative, arricchendo le mie capacità di lettura dei segnali corporei del neonato e fornendomi interessanti strategie di comunicazione con i genitori, volte a migliorarne l’empowerment anche attraverso l’acquisizione di più efficaci modalità di interazione con il loro bimbo. 

 Ho apprezzato inoltre l’efficacia e la semplicità degli strumenti HUG. Mi riferisco in particolare alle 3 strategie HUG, alle 3 Zone HUG e ai 6 SOS. In sintonia con l’approccio biodinamico, ho trovato inoltre molto utile la capacità di cogliere e interpretare correttamente le capacità di autoregolazione del neonato. 

 L’area di maggiore interesse mostrata dai genitori con cui ho avuto modo di confrontarmi fino ad ora è stata quella del sonno. Tutti hanno mostrato di apprezzare le informazioni sui cicli del sonno/veglia e le strategie per aiutare il loro bambino a mantenere lo stato di sonno, soprattutto l’acquisizione della consapevolezza di non interferire nella fase di sonno attivo. 

 Ciò che mi ha sorpresa maggiormente in occasione degli incontri con i genitori è stato il feedback positivo ricevuto puntualmente dopo il broadcast. Su tutti i genitori ha funzionato come un rinforzo delle competenze già possedute e contemporaneamente ha fornito loro in maniera indiretta nuove chiavi di lettura del comportamento del loro bambino. 

Le competenze acquisite attraverso il corso HUG mi hanno permesso di migliorare la qualità della mia interazione con la coppia mamma-neonato nelle sessioni di biodinamica craniosacrale, semplicemente perché mi ha fornito nuovi e efficaci strumenti di interazione e interpretazione.

Social Worker Discovers Value of Certified HUG Teacher Training

 

Leslie Billington is a MSW in Jersey Village, Texas. She shares her Certified HUG Teacher experience with us.


I am a Liscensed Master Social Worker and have 2 children. I was surprised to learn about the different sleeping cycles. If I would have known this while breastfeeding, it would have been a game changer for me and would have cut down on my level of stress.

Learning about HUG YOUR BABY has helped me be a better parent coach for the moms at my place of work. It has been super helpful to help these moms learn more about how to look for cues so they can take better care of these babies. The moms have asked questions and been engaged in learning the material. I have seen them put into practice and become more attentive to their babies needs. This course is great and I look forward to learning more so I can continue to grow and help moms grow too.

Infant Massage Instructor from South Africa becomes a Certified HUG Teacher

Joanne Bradley, an Infant Massage Instructor, has been interacting with new parents for a very long time. She shares her HUG Your Baby experience.


I have found the HUG program a most wonderful and useful addition to what I have been doing. This program simplifies things for parents and shows them that they actually have the tools at hand. It gives them the confidence to read their babies cues and trust what they see without over thinking things. One of the techniques that really stood out for me was not arrive with a planned agenda of what I would share with the parents, but rather to sit and observe and watch and then to broadcast what I was seeing. 

I have found the crying and calming techniques extremely useful and they align well with my knowledge on baby's development. I have also seen the relief in parents faces when they have seen the HUG techniques put into action. 

With the onset of COVID, many new parents have missed the support of family and friends and the HUG information that I have been able to share with them when visiting has proved to be invaluable and a comfort to many. 

I am excited to add HUG information to our breastfeeding morning meetings next year. I look forward to a lasting relationship with HUG. I especially enjoy the constant sharing of information through the Facebook page and Blog. Thank you for sharing.

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) - Manueal Lo Piccolo Sciaron


Manueal Lo Piccolo Sciaron

Lavoro da 15 anni come infermiera in un reparto maternità e da 4 anni sono una consulente d’allattamento IBCLC. 

Da un bel po’ di tempo ho capito come il sostegno sia fondamentale per i neogenitori. Sostegno che parte in gravidanza e che prosegue dopo il parto. Sostegno da noi personale sanitario, ma anche dalle persone che ruotano attorno alla nuova famiglia e sostegno da parte della società. 

I genitori di oggi, spesso non hanno più l’esempio all’interno della famiglia da cui copiare su come prendersi cura di un bambino. Non esistono più le grandi famiglie, dove una giovane donna arrivava a diventar madre, avendo già visto come si accudisce, come si cambia come si allatta un piccolino. 

Al giorno d’oggi abbiamo delle piccole famiglie e ognuno vive isolato e non più in comunione con la grande famiglia. 

Spesso durante il mio lavoro vedo dei genitori che si sentono a disagio solo a cambiare un pannolino, perché il loro bebé è il primo che hanno visto. Come possono affrontare quindi i grandi bisogni dei piccolini, come possono affrontare l’allattamento? Ecco perché credo che il sostegno da parte del personale competente sia fondamentale. 

Quando per caso sono venuta a consocenza del metodo HUG, mi ha subito incuriosita e interessato… aiuto, ascolto e guida per i genitori, ho pensato fantastico! Poi mi sono incuriosita e ho pensato cosa mi insegnerà di così speciale? Bè ora posso dire tanto! Mi è piaciuto imparare un nuovo approcio alle famiglie, un nuovo metodo per insegnare loro delle competenze e un nuovo modo per sostenerle. Da sola avevo già capito che la forza e il segreto sta proprio nel rendere competenti e sicuri i futuri genitori, avendo la pazienza di rispettare i loro rtimi e i loro valori.

L’aspetto particolarmente interessante dell’approcio HUG per me è quello di spiegare ai genitori come interagire fin da subito con i loro piccolini. Spiegando loro le varie zone e i segnali SOS dei neonati. Questo credo li aiuti a capire quante competenze importanti abbiano subito sin dalla nascita e quanto sia importante imparare ad osservarli, ad ascoltarli. 

Seguendo delle famiglie già in gravidanza e poi nel post parto, mi è piaciuto osservare come è cambiato l’approcio dei papà, che sapevano cosa fare, come giocare con il proprio piccolo e quando farlo. Mi è piaciuto vederli tanto partecipi e soprattutto non “subire” i pianti dei neoanti, ma vedere che cercano di capire e poi di agire, anche se non sempre è facile J. Devo dire che HUG ha cambiato molto il mio modo di insegnare, sostenere i genitori. Scrivendo questa riflessione mi rendo conto che è diventato parte integrante del mio modo di fare. Sempre di più utilizzo il broadcasting quando inizio una consulenza, per far notare ai genitori quanto sanno sul loro piccolo e quanto lui sa fare. 

Un mio obiettivo lavorativo è quello di informare il personale curante dove lavoro a questo approcio, facendo in modo che sempre più persone si interessino in modo da poter avere anche un linguaggio comune. Con i genitori, appena potrò ricominciare a fare i corsi pre-parto di gruppo, sicuramente sarà integrare le mie conoscenze con il metodo HUG your baby.

Insegnante HUG Certificato (CHT - Italiano) - Rita Fusco

 


Questo percorso mi ha permesso una crescita personale e professionale, sono del parere che non si finisce mai di imparare.Nel futuro il mio intento e’ quello di inserire le conoscenze e le tecniche apprese mediante il corso di hug your baby in corsi di preparazione alla nascita e non solo. Ritengo fondamentale e importante aprire i corsi pre parto a ulteriori e diverse prospettive, troppo spesso focalizzati per lo più’ sul travaglio e il momento della nascita e poco prospettati al dopo. Il dopo a mio parere è il momento in cui il genitore dovrà essere maggiormente sostenuto e rassicurato.I neo genitori vanno supportati nel post nascita ,poichè lo stesso è un momento estremamente delicato,spesso sul campo ho notato come il post parto sia il momento più difficile,i genitori devono affrontare situazioni completamente nuove.In questa fase sperimentano il senso di inadeguatezza e disorientamento.La presenza di persone non adatte attorno a loro , potrebbe ulteriormente confonderli,in questa fase hanno bisogno di essere presi per mano, vanno accompagnati ad affrontare questa nuova ,faticosa e tanto magica situazione. L’ informazione è fondamentale,li aiuterà a capire e rispondere a bisogni e linguaggio del corpo dei propri cuccioli,ad instaurare una forte interazione con il neonato e a comprenderne la loro comunicazione. Questo percorso ha rafforzato le mie competenze, aprendo le porte a nuovi approfondimenti, nuove prospettive.Sono estremamente soddisfatta e compiaciuta di questo magico percorso.

A Midwife Notices Impact of State ( or "ZONE") Regulation on Breastfeeding

 

Wow! This Baby IS a Handful!

A young mother, worried about her breast milk, enters the midwife's office with her three-week-old baby, Sumi. Carolyn, the midwife, reviews Sumi's chart. After a full-term birth, Sumi has regained her birth weight by 10 days of age and is now gaining between 15 50 30 grams a day. In addition, mother's careful records show that the baby has 6-8 yellow stools and several wet diapers per day. Why, Carolyn wonders, is this mother worried about her milk supply?

The mother explains that her baby is easily upset; she wiggles and squirms constantly whenever she is lying down. "I just can't figure out what Sumi wants most of the time," the young mother sighs.

Sumi is in peaceful sleep inside her car seat as the mother and midwife chat. After only a small stir, Sumi suddenly arouses with a full, hardy cry. Mother swoops down to pick up the baby, who is already red in the face and whose hands reach out with a wide, jerky movement. The baby wiggles frantically in mother's lap as she attempts to open her blouse to breastfeed. Once brought to the breast, the baby sucks a couple of times then falls off to sleep.

Wow, Carolyn, thinks. This baby IS a handful!

As Carolyn listens carefully to this mother's story, she hears familiar characteristics of a more challenging baby: high activity level, unpredictable schedule, and frequent state (or Zone) changes. Sumi is struggling with Zone regulation issues, which puts this mother at risk for giving up breastfeeding.

A baby exhibiting effective state (or Zone) regulation will transition from one state to another rather slowly, might bring her hand to her mouth, or assume the fencing pose to calm herself down. That baby feels easy to understand and predictable to a mother.

When Sumi begins crying again, Carolyn leans over and speaks to the baby with a sing-song voice. Surprisingly, the baby slows down her crying. Then Carolyn encourages the mother to gently hold Sumi's hand to the baby's chest. The mother is delighted to see Sumi stop crying and look up at her.

Carolyn reviews Sumi's growth and stooling record. She reassures mother that breastfeeding is going great and that this baby is thriving on mother's milk. Carolyn demonstrates several more tips for settling a baby. She also reminds mother that babies this age cannot be spoiled. "Spending a little more time with the baby skin to skin and 'baby wearing' will also settle Sumi as she adjusts to being out in the world," Carolyn says. Finally, Carolyn invites the mother to a New Mothers meeting the next day and encourages her to ask for a bit of help at home.

A follow-up phone call a week later reveals that this mother and her baby duo are doing much better. The mother is proud to be a breastfeeding mum and is confident that the support and encouragement of other mothers--and her midwife--will help her meet her breastfeeding goals.